Informazione e web: quali strumenti per navigare in sicurezza

Con i consigli disseminati sulle pagine di questo sito, sarà già stato possibile iniziare a fare delle piccole correzioni al comportamento che si osserva quandoC16aFtJUQAA1RLr si naviga su internet, passando dall’essere vittime di quello che si legge e si condivide a un atteggiamento più attivo e consapevole rispetto a media e social network.

Sfruttando alcuni siti come, in particolare, quelli di gaming e gambling online, si può anche avere accesso a delle somme di denaro, guadagnate nel pieno rispetto della normativa vigente, da sfruttare per aumentare il proprio livello di protezione online. Come? Questi sono alcuni degli strumenti sui quali si può investire:

  • Dotarsi di un telefono cellulare sicuro, in grado di criptare sia dati che chiamate: il BoeingBlack o il Blackphone (arrivato a produrre due distinti modelli) sono alcuni smartphone a prova di hackeraggio, e che manterranno confidenziali le nostre abitudini di navigazione. A patto di utilizzarli in maniera corretta, è ovvio. Il loro costo si avvicina agli 800 euro.
  • Comprare programmi di criptazione dei dati per proteggere quanto si trova sul proprio computer o telefono: ne esistono di diversi produttori, tutti disponibili gratuitamente salvo passare a un acquisto per utenti pro, oppure donare qualcosa in cambio della possibilità di utilizzarli. Le vostre vincite al gioco serviranno anche a questo!
  • Aderire al sistema di navigazione con Tor oppure acquistare una VPN, strumenti attraverso i quali è possibile mascherare il proprio indirizzo IP e navigare anonimamente.
  • Se proprio bisogna tracciare qualcuno, meglio farlo con… se stessi: Prey, ad esempio, è un programma alternativo al più noto “Find My Phone” e garantisce la localizzazione del proprio computer, smartphone o tablet. Si possono aggiungere quanti device si vuole, ma così facendo aumenta anche il prezzo del software, che funziona anche su telefono.
  • Scegliere password complesse: meglio se generate da un sistema automatico, come quello pensato da 1Password (programma che in alcune versioni può essere obiettivamente molto costoso: con più fondi da parte, comprarlo non sarà più un problema).